Chi siamo | Mediazione | MediaCall | Formazione | Arbitrato | ADRMedLab | Sedi
> ENTRA NELL'AREA RISERVATA
  EVENTI  
  NEWS  
   
 
 
 
 
CONCLUSIONE DEL PROGETTO "RI-MEDIAMO... OLTRE IL CONFLITTO"
Si è concluso il 7 Giugno 2021 il Progetto Ri-Mediamo...oltre il conflitto con la consegna degli Attestati ai minori
> Leggi tutto

SPORTELLO CONFINDUSTRIA PER LE IMPRESE
Presentato lo Sportello gratuito di cosulenza in ADR e Europrogettazione con Confindustria
> Leggi tutto

CORSO PER AVVOCATI NEGOZIATORI
Seconda edizione del Corso gratuito in tecniche di negoziazione
> Leggi tutto

RIPRENDE IL PROGETTO RI-MEDIAMO
Riprendono dopo il COVID le attività del progetto con il Tribunale per i Minorenni
> Leggi tutto

PACCHETTO AGEVOLAZIONI MEDIAZIONE E CONTRATTI
Agevolazioni per gli Avvocati che attivano mediazioni per inadempimenti contrattuali
> Leggi tutto

PILLOLE DI MEDIAZIONE E DI DIRITTO
Approfondimenti di tutti i professionisti ADRMedLab
> Leggi tutto

SEMINARIO AGIA SU MINORI E DIVORZIO
"La Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori AGIA"
> Leggi tutto

CORSO AGENTI SPORTIVI CONI
Presentato al CONI il Corso Agenti con la lazione inaugurale dei Prof. Liotta e Santoro
> Leggi tutto

COMPETIZIONE ITALIANA DI MEDIAZIONE
Amichevole squadra Ismed Mediterranea con il team della Statale di Milano
> Leggi tutto

 RIMEDIAMO: OLTRE IL CONFLITTO 
Al via il progetto di mediazione penale minorile e avviamento professionale per minori
> Leggi tutto

PRESENTATO L'ADRMedLab
Presentato dal Direttore DiGiES il Laboratorio di ricerca e progettazione della mediazione
> Leggi tutto

PROTOCOLLO PER LA MEDIAZIONE PENALE
Sottoscritto il protocollo d'intesa per la tutela dei minori in situazioni di marginalità sociale
> Leggi tutto

ADESIONE ALLA RETE ANTIRACKET
Ismed aderisce alla rete di Reggio Libera Reggio. Consegnati i loghi all'amministratore
> Leggi tutto

 
     
 
 
Il valore sociale della mediazione: il progetto Ri-Mediamo...oltre il conflitto
Il racconto della giornata
> La fotogallery sulla nostra pagina Facebook - clicca qui
Un'intensa giornata di formazione e impegno ha dato il via alla Cooperativa Intrecci: un'impresa tutta al femminile costituita dalle ragazze indicate dal Tribunale per i Minorenni DI Reggio Calabria nell'ambito del Progetto di Mediazione penale Minorile e avviamento professionale finanziato da Ismed Group. Ri-Mediamo...oltre il conflitto è la prima iniziativa conclusa dalla sottoscrizione del protocollo d'intesa siglato nel novembre 2019 da Ismed Mediazione, il DiGiES dell'Università Mediterranea, il Tribunale per i Minorenni, la Procura presso il TM di Reggio Calabria e la Camera Minorile. Giustizia riparativa, gestione del conflitto, condizioni di pari opportunità e accesso al mondo dell'istruzione e del lavoro per tutti i minori, sono stati il fulcro del progetto lungo un anno e mezzo che ha aiutato i ragazzi - ed anche i professionisti a vario titolo coinvolti - a confrontarsi con una nuova idea di conflitto e ha confermato la convinzione degli Enti organizzatori che solo mediante la professionalizzazione dei giovani è possibile consentire loro di riprendere in mano la propria vita e progettare un futuro riconciliato e con nuove prospettive. Segno concreto dell'intero percorso è stata proprio la nascita della Cooperativa Intrecci per la lavorazione di semi preziosi finanziata da Unci Calabria, sostenuta dall'Ordine degli Avvocati di Reggio Calabria e ospitata presso i locali dell'Azione Cattolica diocesana dove, alla presenza delle cariche istituzionali civili e religiose, la Ministra delle Pari Opportunità e della Famiglia Prof.ssa Elena Bonetti ha tagliato il nastro.
Il pomeriggio è proseguito con un intervento della Ministra presso Confindustria introdotta dal Vice Presidente Giuseppe Febert, sul rilancio dell'economia anche attraverso la strategia nazionale per la parità di genere e il sostegno alle imprese femminili. A seguire, presso la Residenza Universitaria di Via Roma - in un'ambiente familiare alla Prof.ssa Bonetti che insegna presso l'Università degli Studi di Milano - insieme al Procuratore Di Palma, al Presidente D'Amico, al Rettore Zimbone e ai tanti professionisti presenti, si è riflettuto sul valore delle pari opportunità negli ambienti di marginalità e sull'esigenza di promuovere l'emancipazione delle donne e del Sud più in generale.
L'evento si è concluso presso l'A Accademia Gourmet di Filippo Cogliandro, da subito sensibile all'importanza dell'iniziativa, con la presentazione dei manufatti realizzati dalle ragazze con le gemme donate dall'Azienda Orafa di Gerardo Sacco.
Le voci degli organizzatori
"Questo percorso affonda le radici nell'impegno che sin dall'introduzione della mediazione civile e commerciale nel lontano 2010, Ismed ha profuso per la diffusione della cultura conciliativa" dice l'Amministratore Francesca Chirico "Il passaggio obbligatorio dal mediatore per dirimere una controversia di natura civile e commerciale ha segnato l'inizio di un nuovo modo di concepire la giustizia in Italia. In questi anni, grazie alla sinergia con il DiGiES curata dalla Prof.ssa Angela Busacca, abbiamo avviato una serie di incontri formativi rivolti ai professionisti della mediazione e agli studenti per rendere evidente che la mediazione, e più in generale le ADR (Alternative Dispute Resolution), non rappresentano una giustizia alternativa, ma un modo per rigenerare i legami e ridefinire i rapporti. Diffondere il senso della risoluzione pacifica dei conflitti significa aiutare lo Stato a non cedere il passo ad altri soggetti, non sempre collocati nell'alveo della legalità. Un lavoro che in una terra bella e complicata come la Calabria, si fa per vocazione".
L'impegno per la diffusione delle ADR si amplia e si completa nel 2017 grazie all'ingresso nel gruppo di lavoro di Alessandra Callea, esperta di giustizia riparativa e presidente della Camera Minorile di Reggio Calabria. "Il percorso – ha dichiarato – si inserisce nella scia delle tante iniziative messe in atto dal Tribunale per i Minorenni e l'aspetto originale, che è quello della mediazione penale minorile, mira a riattivare i canali comunicativi interrottisi fra reo, vittima e società con la mission di diffondere la cultura della mediazione come filosofia di vita, non solo fra i minori inseriti nel circuito penale, ma anche fra quelli istituzionalizzati a vario titolo per sperimentare percorsi di reinserimento sociale che rinforzano i legami con i contesti positivi."

Una sinergia che ha portato Ismed ad istituire con il DiGIES dell'Università Mediterranea il laboratorio e osservatorio sulla mediazione ADRMedLab, spiega la Prof.ssa Angela Busacca "La creazione di ADRMEDLAB risponde alla volontà di creare uno spazio di studio e ricerca sulle modalità alternative di risoluzione delle controversie e sulle tecniche di negoziazione per promuove la diffusione della cultura della mediazione non soltanto tra i professionisti del settore legale, ma più in generale tra i professionisti, gli studenti e la società civile. Proprio l'idea di una formazione che travalichi le mura universitarie è alla base dei diversi progetti elaborati in seno al DIGIES ma rivolti ad un pubblico quanto più ampio, per contribuire alla crescita di una cultura della concordia e della composizione pacifica dei conflitti."
Fa parte del laboratorio Saveria Cusumano, consigliera dell'Ordine degli Avvocati di Reggio Calabria che all'interno del progetto e del laboratorio stesso porta le istanze e la sensibilità del mondo dell'avvocatura "Il COA ha aderito al lodevole progetto, poiché consapevole della funzione sociale dell'Avvocatura, tesa non soltanto al diritto di difesa ma anche (e, forse, soprattutto) alla tutela di tutte quelle che sono prerogative essenziali per una democrazia sostanziale e non meramente formale. È stato, pertanto, naturale per il COA sposare un progetto che è espressione di difesa di "democrazia solidale". Come amiamo ripetere ogni qual volta lo reputiamo utile, parafrasando Carnelutti, la professione di avvocato presuppone certamente competenza, professionalità e conoscenza di codici e norme ma presuppone innanzitutto cuore."
"Questo progetto si conclude con un segno concreto", lo ha affermato Attilio Gorassini, presidente dell'ADRMedLab. Un progetto che non gode di alcun finanziamento pubblico e cammina sulle gambe dei tanti professionisti e dei partner che si sono spesi nella realizzazione. E segno concreto è anche l'impegno di Gerardo Sacco, che ha formato con le proprie maestranze le ragazze, a commissionare alle giovani imprenditrici manufatti utili alla realizzazione finale dei suoi gioielli. Un ringraziamento particolare va alle docenti che hanno seguito le ragazze nel percorso: la psicologa Martina Vitale, la Prof.ssa Giovanna Monorchio e la Gemmologa Tiziana Salazzaro.
Il progetto è sintetizzato tutto in questa frase di Eraclito scelta proprio dalle ragazze per presentare la loro prima collezione: "Ciò che è opposto si concilia. Dalle cose in conflitto nasce l'armonia più bella".
Dopo la straordinaria giornata del 15 settembre che ha concluso il progetto Ri-Mediamo...oltre il conflitto un po'di rassegna stampa
> https://www.lacnews24.it/.../reggio-la-ministra-bonetti.../
> https://www.reggiotv.it/.../coop-giovani-donne-nei-locali...
> https://www.reggiotoday.it/.../coop-intrecci-mediazione...
> https://www.citynow.it/a-reggio-linaugurazione-della.../
> https://www.avveniredicalabria.it/il-ministro-bonetti-a.../
> https://www.avveniredicalabria.it/shenouda-sogno-orafo/

Verrà inaugurata il 15 settembre 2021 la Cooperativa Intrecci: l’impresa tutta al femminile composta dalle ragazze indicate dal Tribunale per i Minorenni e la Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria nell’ambito del progetto di mediazione penale minorile e avviamento professionale “Ri-Mediamo: oltre il conflitto” conclusosi il 7 giugno scorso.

I primi passi
Il progetto ha preso avvio nel febbraio del 2020 e si è svolto in due fasi: il modulo sulla gestione del conflitto coordinato dai professionisti Ismed e dai docenti del DiGiES e il modulo sull’avviamento professionale all’interno del quale le maestranze dell’Azienda Orafa del Maestro Gerardo Sacco e dell’Istituto Gemmologico Igea hanno avviato i minori alla conoscenza delle gemme e alla lavorazione dei semipreziosi.

Una madrina d'eccezione
La manifestazione conclusiva del progetto, che ha come madrina d’eccezione la Ministra delle Pari Opportunità e della Famiglia Prof.ssa Elena Bonetti, è l’occasione per tagliare il nastro della sede di Intrecci, ma anche per riflettere sul valore delle pari opportunità negli ambienti di marginalità e per promuovere l’emancipazione delle donne e del Sud più in generale.

Una giornata rivolta alle imprese, ai professionisti vicini al mondo della mediazione e a quanti sono impegnati per le pari opportunità.
Giustizia riparativa, gestione del conflitto, condizioni di pari opportunità e accesso al mondo dell'istruzione e del lavoro per tutti i minori, sono il fulcro del progetto lungo un anno che ha aiutato i ragazzi - ed anche i professionisti a vario titolo coinvolti - a confrontarsi con una nuova idea di conflitto e ha confermato l'idea degli Enti organizzatori che solo mediante la professionalizzazione dei giovani è possibile consentire loro di riprendere in mano la propria vita e progettare un futuro con nuove prospettive.

Il programma
Ore 16:00 Inaugurazione della Cooperativa Intrecci.
Centro Diocesano Azione Cattolica - Via Del Torrione 101
Ore 19:00 In dialogo su DONNE, MINORI E PARI OPPORTUNITA' con la Ministra Elena Bonetti e il Procuratore Roberto Di Palma.
L'incontro con i docenti aperto ai professionisti della mediazione e della giustizia minorile presso i locali del DiGiES.
Residenza "Università Mediterranea" - Via Roma 6
La partecipazione è gratuita.
È necessaria la prenotazione a formazione@ismed.it. I posti sono limitati.


I partner
Il progetto non gode di alcun finanziamento pubblico e cammina sulle gambe dei tanti professionisti e delle associazioni che si sono spesi nella realizzazione.
Imprescindibile il contributo di Unci - Unione Cooperative Italiane Federazione Calabria che finanzia la costituzione della Cooperativa Intrecci.
Collaborano anche le imprese di Confindustria che aiuteranno le neo imprenditrici a fare rete con il tessuto produttivo dell’area metropolitana e l'Arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova e l’Azione Cattolica Diocesana che ospiteranno presso i propri locali la Cooperativa.

> Articolo Avvenire di Calabria

 
È un progetto di mediazione penale minorile e avviamento professionale rivolto ai minori inseriti nel circuito penale organizzato in collaborazione con il Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria.
L'EVENTO
Lunedì 7 giugno 2021 p.v. si conclude il Progetto alla presenza delle Istituzioni e degli Enti coinvolti e della Ministra delle Pari Opportunità e della Famiglia Prof. Elena Bonetti.
Alla manifestazione verranno consegnati gli attestati di partecipazione ai minori indicati dal Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria e seguirà una giornata di eventi formativi rivolti ad Avvocati, Psicologi e professionisti del settore.
La giustizia riparativa, la gestione del conflitto, le condizioni di pari opportunità e di accesso al mondo dell'istruzione e del lavoro per tutti i minori sono il fulcro di un progetto lungo un anno che ha aiutato i ragazzi - ed anche i professionisti a vario titolo coinvolti - a confrontarsi con una nuova idea di conflitto e ha confermato l'idea degli Enti organizzatori che solo mediante la professionalizzazione dei giovani è possibile consentire loro di riprendere in mano la proria vita e progettare un futuro con nuove prospettive. 
 
GLI ORGANIZZATORI
Ismed Group e DiGiES - Università Mediterranea
Partner istituzionali: Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria e la Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, Camera Minorile Distrettuale di Reggio Reggio Calabria
Partner commerciali: Azienda Orafa Gerardo Sacco, Istituto Gemmologico Igea e Unci - Unione Cooperative Italiane Federazione Calabria
LE FINALITÀ DEL PROGETTO
La finalità del percorso è quella di approfondire il tema delle conflittualità nell’ambito dei reati commessi da minori avviando la conoscenza di alcuni strumenti tipici di questa pratica per superare il conflitto con se stesi e la società e poter progettare un graduale reinserimento attraveso percorsi di orientamento scolastico o universitario (siamo convinti che il reo possa ripensare il proprio futuro anche con il reinserimento scolastico o ponendosi obiettivi lavorativi importanti che necessitino degli studi universitario).
Il percorso sul superamento del conflitto è finanziato da Ismed Group, il percorso professionalizzante per la realizzazione di manifatture in pietre dure e semipreziosi è finanziato dall'Istituto gemmologico Igea di Tiziana Salazzaro e dall’Azienda orafa del Maestro Gerardo Sacco.
 
PROGRAMMA 
Lunedì 07.06.2021 ore 10:00/11:30 
Saluti istituzionali
Prof. Marcello Santo Zimbone, Magnifico Rettore dell’Università Mediterranea
Prof. Massimiliano Ferrara, Direttore del DiGiES Università Mediterranea
Dott. Marcello D’Amico, Presidente del Tribunale per i Minorenni di RC
Dott. Roberto Di Palma, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni RC
Avv. Alessandra Callea, Presidente Camera Minorile Reggio Calabria
Avv. Rosario Maria Infantino, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Reggio Calabria
Dott. Armodio Lombardo, Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Calabria

Intervento
Chiar.ma Prof.ssa Elena Bonetti
Ministra per le Pari Opportunità della Repubblica Italiana

Presentazione del Progetto
A cura di Francesca Chirico e Gerardo Sacco
Video con le testimonianze dei minori e presentazione dei monili realizzati durante il progetto

Lunedì 07.06.2021 ore 15:00/17:00 
Tavola rotonda
Tutela dei Minori "oltre il conflitto"
pari opportunità, inclusione e giustizia riparativa
 
Saluti istituzionali

Presiede e modera:
Prof. Attilio Gorassini
, Docente di Diritto Privato - DiGiES Università Mediterranea, Presidente ADRMedLab, Referente RuniPace RC

Interventi:
Dott. Silvio Ciappi, Psicoterapeuta, Criminologo
Come oro tra le crepe, ovvero l'arte gentile di riparare le relazioni: Modalità e prassi d’intervento del facilitatore nella giustizia riparativa

Avv. Patrizia Surace,
Giudice onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria
La giustizia riparativa come opportunità e valore socialie

Prof.ssa Federica Tescione, Docente di Diritto di Famiglia - DiGiES Università Mediterranea
“Superare” il conflitto come il respondere del genitore

Prof.ssa Angela Busacca, Docente di Diritto dell'Informatica - DiGiES Università Mediterranea
Parole che creano il conflitto, parole oltre il conflitto: i reati legati alla Rete


Conclusioni: Dott. Roberto Di Palma, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria  
 
L'evento è patrocinato dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Reggio Calabria anche ai fini del riconoscimento dei crediti formativi. 
 
ISCRIZIONI 
L'Evento si svolgerà su piattaforma Google Meet. È obbligatoria la prenotazione.
Per iscriveri è inviare la richiesta per e.mail a formazione@ismed.it
Indicare:
- Nome e Cognome
- Ordine di appartenenza
- Indirizzo al quale si vuole ricevere il link per il collegamento

Infoline alla sezione contatti del sito
 
> Vai alla Home di ADRMedLab
> Articolo Quotidiano del Sud: Ri-mediamo oltre il conflitto
> Protocollo Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria
     
MEDIAZIONE
Domanda di mediazione
Mediatori Ismed
Modulistica e regolamento
Giurisprudenza e news
Tariffe di mediazione
Privacy
MEDIAZIONE AL TELEFONO
La mediazione telefonica in tre passi
Domanda di mediazione
Regolamento e Normativa
Tariffe di mediazione
ARBITRATO
Avvia l'arbitrato
Regolamento arbitrale
Codice deontologico
Costi arbitrato
Elenco arbitri
Clausole compromissorie
FORMAZIONE
Corsi per mediatore civile
Corsi per mediatore familiare
Corsi per amministratori di condominio
Corsi per Procuratore sportivo
Corsi per Curatore fallimentare
ISMED GROUP s.r.l.

Sede legale: Via Del Gelsomino, 35
89128 Reggio Calabria
Partita i.v.a. e codice fiscale 02727730802

R.E.A. RC - 186261
 
Camera Arbitrale
Istituto di Alta Formazione
Organismo di mediazione e Ente di formazione
accreditato dal Ministero della Giustizia
Iscritto al n. 945 del ROM e al n. 423 dell’EEF

Contatti